1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 | Next

LANTHANE 613.3, un processo unico dedicato alla conversione e alla sigillatura

lidmasiniite XX res

 

Le finiture di superficie sono parte integrante del settore aerospaziale, e in particolare è il trattamento dell'Alluminio a farla da padrone, con processi di anodizzazione e passivazione. A dominare questo campo sono sempre stati pochi, specifici rivestimenti a base di Cromo Esavalente e sostanze dicromate, il cui utilizzo è diventato discutibile dal momento che si fa pressione affinché tali sostanze siano eliminate dalla catena di distribuzione.
Regolamentazioni come il REACh sono il motore che spinge per eliminare sostanze pericolose dai trattamenti di superficie. Allo stesso tempo, permettono anche di creare nuove opportunità per introdurre processi innovativi che possono essere utilizzati come rivestimenti di conversione o pre-verniciatura sull'Alluminio, come sealer per l'anodizzazione.
Proprio per permettere all'industria delle finiture superficiali di soddisfare tali richieste, COVENTYA ha introdotto una serie di prodotti esenti da Cromo Esavalente e da sostanze dicromate, come il LANTHANE 613.3, un nuovo prodotto dedicato alla conversione e alla sigillatura che offre un processo in un'unica soluzione per trattare l'Alluminio e anodizzare.

Le finiture di superficie sono parte integrante del settore aerospaziale, e in particolare è il trattamento dell'Alluminio a farla da padrone, con processi di anodizzazione e passivazione. A dominare questo campo sono sempre stati pochi, specifici rivestimenti a base di Cromo Esavalente e sostanze dicromate, il cui utilizzo è diventato discutibile dal momento che si fa pressione affinché tali sostanze siano eliminate dalla catena di distribuzione.

Regolamentazioni come il REACh sono il motore che spinge per eliminare sostanze pericolose dai trattamenti di superficie. Allo stesso tempo, permettono anche di creare nuove opportunità per introdurre processi innovativi che possono essere utilizzati come rivestimenti di conversione o pre-verniciatura sull'Alluminio, come sealer per l'anodizzazione.

Proprio per permettere all'industria delle finiture superficiali di soddisfare tali richieste, COVENTYA ha introdotto una serie di prodotti esenti da Cromo Esavalente e da sostanze dicromate, come il LANTHANE 613.3, un nuovo prodotto dedicato alla conversione e alla sigillatura che offre un processo in un'unica soluzione per trattare l'Alluminio e anodizzare.

La Newsletter sui Metalli Preziosi COVENTYA pone l'accento su una nuova tecnologia innovativa

Auralloy4

Siamo lieti di presentarvi la nostra nuova Newsletter sui Metalli Preziosi, incentrata sull'innovativa tecnologia Nickel-free AURALLOY SHIELD LF. Per soddisfare le esigenze del mercato della Moda, sempre più influenzato dai dettami legislativi in materia di utilizzo di Nichel nel settore, l'R&D COVENTYA ha sviluppato una nuova tecnologia per aumentare la resistenza sui pezzi trattati con cicli anallergici o Nichel-free. Per saperne di più cliccate  qui:

COVENTYA porta a termine due importanti acquisizioni dopo l’investimento di Silverfleet a maggio 2016

COVENTYATurkeyWeb

 

Silverfleet Capital, gruppo europeo di investimento privato specializzato nel buy to build, è lieta di annunciare che COVENTYA, Società in cui di recente ha investito, si è resa protagonista di due nuove acquisizioni, entrambe in Turchia.
COVENTYA, che ha il suo quartier generale a Villeneuve-la-Garenne, vicino Parigi, è un leader mondiale dei trattamenti di superficie che opera in svariati settori, dall’Automotive al Luxury, passando per l’Edilizia, i Beni di Consumo, lo Storage, e le Industrie Petrolifere.
COVENTYA acquisisce l’80,6% della Politeknik Metal Sanayi ve Ticaret A.Ş. (“Politeknik”), una Società quotata alla Borsa di Istanbul che è leader nel trattamento delle superfici in Alluminio (AST) e che fattura ben 9 milioni di Euro. COVENTYA lancerà anche un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria (MTO, Mandatory Tender Offer) per il restante 19,4% delle quote societarie, in conformità ai principi e alle procedure del Capital Markets Board turco. Politeknik, che dispone di un sito produttivo di prim’ordine a Tuzla, Istanbul, ha una consociata ad Atlanta, negli Stati Uniti ed esporta attualmente il 20% dei prodotti chimici che vende. COVENTYA intende sfruttare questo suo network di distribuzione mondiale per penetrare più a fondo nel mercato AST, sia in Europa che negli USA. 
L’Alluminio viene utilizzato sempre di più in molteplici settori, in primis l’automobilistico e l’edilizio, grazie alle proprietà chimico – fisiche che lo contraddistinguono.
La seconda transazione conclusa da COVENTYA è l’acquisizione di Telbis. Con un fatturato di circa 3 milioni di Euro, Telbis (che verrà poi ribattezzata COVENTYA Kimya) è il distributore storico dei prodotti COVENTYA per il mercato GMF in Turchia e, grazie alle risorse societarie a cui potrà ora attingere, punterà ad aumentare la sua presenza nel mercato locale.
L’ammontare delle operazioni sarà di circa 18 milioni di Euro e Silverfleet finanzierà più di 4 milioni in relazione all’esito del processo di MTO che inizierà a breve.
Thomas Costa, CEO e Torsten Becker, CFO di COVENTYA affermano: “Siamo elettrizzati dal fatto che queste due acquisizioni ci permetteranno non solo di rafforzare la nostra competenza nel trattamento dell’Alluminio, ma anche di penetrare ancora più a fondo e in maniera più diretta nel mercato GMF turco”.
Jean Châtillon, Direttore alla Silverfleet Capital aggiunge: “Nell’ambito di un settore ancora frammentato, queste transazioni rappresentano ulteriori passi in avanti per COVENTYA, verso un percorso di Buy & Build atto a sviluppare l’offerta tecnologica del Gruppo e ad ampliare la sua presenza internazionale”.
I Consulenti cui COVENTYA si è affidata sono stati:
European Growth Management (M&A), Latham & Watkins, Paksoy, Gide, Advancy, KPMG e PriceWaterhouse&Coopers

Silverfleet Capital, gruppo europeo di investimento privato specializzato nel buy to build, è lieta di annunciare che COVENTYA, Società in cui di recente ha investito, si è resa protagonista di due nuove acquisizioni, entrambe in Turchia.

COVENTYA, che ha il suo quartier generale a Villeneuve-la-Garenne, vicino Parigi, è un leader mondiale dei trattamenti di superficie che opera in svariati settori, dall’Automotive al Luxury, passando per l’Edilizia, i Beni di Consumo, lo Storage, e le Industrie Petrolifere.

COVENTYA acquisisce l’80,6% della Politeknik Metal Sanayi ve Ticaret A.Ş. (“Politeknik”), una Società quotata alla Borsa di Istanbul che è leader nel trattamento delle superfici in Alluminio (AST) e che fattura ben 9 milioni di Euro. COVENTYA lancerà anche un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria (MTO, Mandatory Tender Offer) per il restante 19,4% delle quote societarie, in conformità ai principi e alle procedure del Capital Markets Board turco. Politeknik, che dispone di un sito produttivo di prim’ordine a Tuzla, Istanbul, ha una consociata ad Atlanta, negli Stati Uniti ed esporta attualmente il 20% dei prodotti chimici che vende. COVENTYA intende sfruttare questo suo network di distribuzione mondiale per penetrare più a fondo nel mercato AST, sia in Europa che negli USA. 

L’Alluminio viene utilizzato sempre di più in molteplici settori, in primis l’automobilistico e l’edilizio, grazie alle proprietà chimico – fisiche che lo contraddistinguono.

La seconda transazione conclusa da COVENTYA è l’acquisizione di Telbis. Con un fatturato di circa 3 milioni di Euro, Telbis (che verrà poi ribattezzata COVENTYA Kimya) è il distributore storico dei prodotti COVENTYA per il mercato GMF in Turchia e, grazie alle risorse societarie a cui potrà ora attingere, punterà ad aumentare la sua presenza nel mercato locale.

L’ammontare delle operazioni sarà di circa 18 milioni di Euro e Silverfleet finanzierà più di 4 milioni in relazione all’esito del processo di MTO che inizierà a breve.

Thomas Costa, CEO e Torsten Becker, CFO di COVENTYA affermano: “Siamo elettrizzati dal fatto che queste due acquisizioni ci permetteranno non solo di rafforzare la nostra competenza nel trattamento dell’Alluminio, ma anche di penetrare ancora più a fondo e in maniera più diretta nel mercato GMF turco”.

Jean Châtillon, Direttore alla Silverfleet Capital aggiunge: “Nell’ambito di un settore ancora frammentato, queste transazioni rappresentano ulteriori passi in avanti per COVENTYA, verso un percorso di Buy & Build atto a sviluppare l’offerta tecnologica del Gruppo e ad ampliare la sua presenza internazionale”.

I Consulenti cui COVENTYA si è affidata sono stati:

European Growth Management (M&A), Latham & Watkins, Paksoy, Gide, Advancy, KPMG e PriceWaterhouse&Coopers

COVENTYA soddisfa le richieste di elevata produttività dello Zinco Nichel con una tecnologia all’avanguardia

Sempre più specifiche relative allo Zinco - Nichel chiedono di avere una migliore distribuzione dello spessore, e questo per varie ragioni. I rivestimenti uniformi, infatti, offrono prestazioni migliori per le applicazioni dotate di tolleranze ristrette e che necessitano quindi di un’elevata protezione dalla corrosione. Questo diventa un problema quando vengono sottoposti a test di corrosione ciclici, perché dipendono dallo spessore del rivestimento sacrificante.
Coi sistemi di Zinco - Nichel PERFORMA offerti da COVENTYA è possibile raggiungere un’eccellente distribuzione degli spessori del deposito e mantenere, al tempo stesso, un’elevata produttività. Per l’applicatore, questo significa molto più che soddisfare la specifica: si tratta di volume produttivo e redditività, realizzabili depositando più velocemente nelle aree a bassa ddc e ottenendo uno specifico spessore minimo su tutte le aree del pezzo. Risultato? Maggiore produttività e minor spreco, soprattutto nelle aree ad elevata densità di corrente.
La formulazione unica che caratterizza i processi PERFORMA offerti da COVENTYA si traduce in depositi eccezionalmente uniformi in grado di mantenere una velocità di deposizione tale da supportare la richiesta mondiale di avere un’elevata produttività.
Se volete saperne di più, non esitate a contattarci!

Sempre più specifiche relative allo Zinco - Nichel chiedono di avere una migliore distribuzione dello spessore, e questo per varie ragioni. I rivestimenti uniformi, infatti, offrono prestazioni migliori per le applicazioni dotate di tolleranze ristrette e che necessitano quindi di un’elevata protezione dalla corrosione. Questo diventa un problema quando vengono sottoposti a test di corrosione ciclici, perché dipendono dallo spessore del rivestimento sacrificante.

Coi sistemi di Zinco - Nichel PERFORMA offerti da COVENTYA è possibile raggiungere un’eccellente distribuzione degli spessori del deposito e mantenere, al tempo stesso, un’elevata produttività. Per l’applicatore, questo significa molto più che soddisfare la specifica: si tratta di volume produttivo e redditività, realizzabili depositando più velocemente nelle aree a bassa ddc e ottenendo uno specifico spessore minimo su tutte le aree del pezzo. Risultato? Maggiore produttività e minor spreco, soprattutto nelle aree ad elevata densità di corrente.

La formulazione unica che caratterizza i processi PERFORMA offerti da COVENTYA si traduce in depositi eccezionalmente uniformi in grado di mantenere una velocità di deposizione tale da supportare la richiesta mondiale di avere un’elevata produttività.

Se volete saperne di più, non esitate a contattarci!

REACH: Dedicato ai nostri affezionati Clienti

Valued customers 2 res DD3

La Direttiva che va sotto il nome di REACh è l’acronimo di Registration, Evaluation, Authorization and restriction of Chemicals che identifica una normativa dell’Unione Europea che è stata adottata per proteggere, nel migliore dei modi, la salute e l’ambiente dai rischi chimici. Questa Regolamentazione è entrata in vigore quasi 10 anni fa, nel giugno del 2007.

A partire da Aprile 2013 il Cromo Triossido e gli acidi generati dal CrO3 vengono annessi all’Allegato XIV del REACh.

Le sostanze incluse nell’Allegato XIV sono quelle in fase di autorizzazione e che hanno una data di scadenza (Sunset Date). Dopo questa data, la sostanza non può essere commercializzata o utilizzata senza autorizzazione. Inoltre, viene fissata una data di almeno 18 mesi antecedente alla Sunset Date che permette di presentare la richiesta di autorizzazione. Solo allora sarà possibile continuare a utilizzare o mettere sul mercato la sostanza soggetta ad autorizzazione, anche oltre la data di scadenza della stessa. Nel caso del Cromo Triossido e degli acidi generati dal CrO3, sono derivate le seguenti date:

 

La domanda di approvazione deve essere sottoposta all' ECHA.
Per ottenere l'autorizzazione relativa a Triossido di Cromo e acidi generati da CrO3, COVENTYA lavora con l'Associazione CTAC ("Chromium Trioxide REACH Authorization Consortium") e con VECCO ("Verein zur Wahrung von Einsatz und Nutzung von Chromtrioxid und anderen Chemikalien in der Oberflächentechnik”).
La domanda di approvazione è stata sottoposta da Richiedenti Congiunti. 
Questi Richiedenti Congiunti provenienti da CTAC e CTACSub sono fiduciosi che i 6 utilizzi per cui è stata presentata domanda verranno autorizzati. 
Le due Commissioni ECHA denominate RAC e SEAC (Risk Assessment Committee e Socio-Economic Assessment Committee) hanno finalizzato i rispettivi commenti e li hanno inoltrati alla Commissione Europea per la decisione finale.
RAC e SEAC hanno supportato le domande presentate da CTACSub per l'ulteriore utilizzo del Triossido di Cromo.
Si è ridotto il periodo di revisione:

La domanda di approvazione deve essere sottoposta all' ECHA.

Per ottenere l'autorizzazione relativa a Triossido di Cromo e acidi generati da CrO3, COVENTYA lavora con l'Associazione CTAC ("Chromium Trioxide REACH Authorization Consortium") e con VECCO ("Verein zur Wahrung von Einsatz und Nutzung von Chromtrioxid und anderen Chemikalien in der Oberflächentechnik”).

La domanda di approvazione è stata sottoposta da Richiedenti Congiunti. 

Questi Richiedenti Congiunti provenienti da CTAC e CTACSub sono fiduciosi che i 6 utilizzi per cui è stata presentata domanda verranno autorizzati. 

Le due Commissioni ECHA denominate RAC e SEAC (Risk Assessment Committee e Socio-Economic Assessment Committee) hanno finalizzato i rispettivi commenti e li hanno inoltrati alla Commissione Europea per la decisione finale.

RAC e SEAC hanno supportato le domande presentate da CTACSub per l'ulteriore utilizzo del Triossido di Cromo.

Si è ridotto il periodo di revisione:

L'autorizzazione dovrebbe essere data all'inizio del 2017, quindi in anticipo rispetto alla Sunset Date del 21 settembre 2017,ma la decisione finale spetta comunque alla Commissione Europea.

Gli utilizzatori finali sono coperti dalla domanda congiunta dei richiedenti e non necessitano di una autorizzazione separata.

Entro 90 giorni dall'accoglimento della domanda di autorizzazione, gli utilizzatori finali devono notificare alla ECHA il loro utilizzo continuativo del Triossido di Cromo includendo anche il numero di autorizzazione.

Le misure OSH (Occupational safety and health) che derivano dall'autorizzazione che viene concessa devono essere conformi e verificate su richiesta.

COVENTYA trarrà quindi beneficio dall'autorizzazione come utilizzatore finale autorizzato e potrà continuare a fornire prodotti a base di CrO3 secondo le autorizzazioni ottenute da EC dopo la Sunset Date.

Come già detto, COVENTYA ha investito molto nei progetti R&D per sviluppare alternative all'uso del CrO3 affidabili e verificate da un punto di vista industriale, adattabili a tutti i settori dei trattamenti di superficie.

Ci impegniamo ad assistere i nostri clienti nell'implementazione/approvazione delle suddette alternative, che in un prossimo futuro andranno a sostituire il CrVI. Finché la transizione non sarà completata, continueremo a fornire ai nostri clienti prodotti che contengono CrO3 entro i limiti stabiliti dalla legge.

Con la speranza di avervi dato un quadro generale sulla situazione attuale, vi invitiamo  a contattarci in caso di dubbio o domande:

Miriam Jacob tor Weihen (COVENTYA GmbH, HSE Officer)

Dr. Klaus Wojczykowski (COVENTYA Beteilingungs GmbH, Group CTO)

Lionel Thiery (COVENTYA Holding SAS, European Technology Director)